Torno a lei

Ritorno,

al giorno in cui

l’ho vista,

l’ho cullata,

fra le braccia,

era fredda,

la fronte

madida,

sorriso,

di leggerezza.

Ho visto lei,

l’ho vista in faccia,

L’ho vista

nutrirsi,

del dolore,

della speranza.

E torno a lei,

che un pò mi ha preso,

lo faccio a piedi,

su terra arsa,

di lacrime

che scottano,

di pietre che tagliano.

E torno a lei,

che mi è sorella,

che mi sussurra,

parole dolci

e mi attanaglia.

E torno a lei,

ogni volta

che sento,

la mente

andare,

spavento,

fatica,

orgoglio.

E torno a lei,

che mi stringe,

mi avvolge.

E soffoca.

Lacrime,

su terra

arsa.

Qualcosa

prima

o

poi

rinasce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *