Recensione di Favole felici per bimbi bravi…

Recensione di Favole felici per bimbi bravi Vol 1.

Edito da Geeko Editor

 

Non fatevi ingannare dalla copertina, è proprio il caso di dirlo. Favole felici per bimbi bravi è un libro parecchio sarcastico, direi pungente. A meno che vostro figlio non sia un specie di punk  geneticamente modificato, queste storie non sono adatte a un pubblico infante. Questo però non vuol dire che non mi siano piaciute. Sono da sempre alla ricerca di nuovi modi di scrivere e di fare letteratura e trovo questo esperimento un’idea piuttosto interessante. Adattare il concetto di fiaba, e l’allegoria che ne sottende, come strumento di critica sociale è una cosa buona e giusta soprattutto perché il lieto fine non è per niente scontato, anzi, in favole felici per bimbi bravi il finale è spesso amaro, la favola lascia il posto al disincanto, alla crudezza della vita. Così il conta Vaniglio, cacciatore di draghi a tempo perso, diventa un padre moderno, scellerato e immaturo che insegue un sogno irrealizzabile a causa del quale quasi perderà sua figlia.

Poi c’è Damiana, una ragazzina che non riesce a vivere perché la fine del mondo le ha tolto la possibilità di navigare su internet. Oppure Arturo, ragazzo agiato che perde i genitori prematuramente e, per mantenere lo stesso tenore di vita di sempre, si metterà a fabbricare monete false con le quali comprerà montagne di merendine, panini e baguette.

Ecco, la leggerezza di queste storie secondo me è anche il motivo per il quale il libro funziona e risulta gradevolmente irriverente. Un modo poco convenzionale per riflettere sull’assurdità della nostra società senza troppo impegno.

Per acquistarlo

https://www.geekoeditor.it/prodotto/favole-felici-bimbi-bravi-vol-1/

 

Please follow and like us:
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lascia un commento