Orneblenda

Arrivi tu,

come

brezza di luglio

salmastra,

batte

il cuore,

80 bpm,

ondeggiano

i fiori di tiglio

e

son gialli.

I riflessi,

nei

capelli,

quando arrivi,

sono onde.

I tuoi occhi

sono chicci,

di grano,

di bimba,

al caffè.

12,5 periodico,

una formula magica,

ricorrente,

rincorre

la corrente

che corre,

forte,

il tempo,

che passa,

io,

sui quaranta,

tu,

ridi,

braccia conserte,

mi guardi

nascosta.

Silicazio,

silenzio,

sta dormendo,

è tardi,

un superuomo

non fuma

le canne.

Nichilismo,

di un Dio

che è morto

cento,

mille

volte

è

risorto.

Così dicono tutti.

Din Don,

ne è

passato

di

tempo.

80 bpm

sto battendo.

Tu

che mangi

la carne.

Io,

solo

pane

e

veleno.

Dimmi…

Nietzsche

che dice?

Bho?

Orneblenda,

rispondi

quando hai tempo.

Tic, tac,

E’ un attimo,

passala,

80 bpm

sono abbastanza?

Nietzsche

dice

di si.

Il tempo
passa…
Tic,tac,tic,tac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *